140 ANNI "ALCOOLICI" (E NON SENTIRLI)

L'EMPORIO PALLINI NEL1875


IN PRINCIPIO FU IL MISTRA'...
POI LIMONCELLO, SAMBUCA, LIQUORI E SCIROPPI DEGUSTATI 
IN 35 PAESI DEL MONDO
PALLINI RICORDA 
FESTEGGIANDO I SUOI "PRIMI" 
140 ANNI DI SUCCESSI



DI GABRIELLA SASSONE

Pallini, la storica azienda romana di liquori e sciroppi, festeggia quest’anno i suoi “primi” 140 anni (1875-2015) di successi.
Leader in Italia con il Mistrà e gli Sciroppi, è l'unica distilleria di Roma. Fondata da Nicola Pallini nel 1875 ad Antrodoco, viene trasferita a Roma negli anni '20, in via Tiburtina, dove ancor oggi si trovano gli stabilimenti. Pallini "spacca" all'inizio con il Mistrà, liquore a base d'anice, che si afferma in breve tempo come insuperabile correzione del caffè espresso. Oggi l'azienda, alla quinta generazione, esporta i suoi prodotti in oltre 35 paesi del mondo ed è leader con il suo "Limoncello Pallini" nel segmento Duty-Free e sul mercato USA. Si affiancano al Limoncello la "Sambuca 313", un assortimento di specialità importate da tutto il modo e una gamma di bagne per pasticceria professionale e domestica.
Ecco tappa per tappa, per i più curiosi e amanti dei liquori, la gloriosa storia dell’azienda capitolina.

    
1851: Nicola Pallini nasce a Civitella del Tronto da un’umile famiglia di pastori e contadini. Nicola, sin da giovanissimo, mostra di avere un grande spirito d’iniziativa; a 15 anni comincia la sua carriera di mercante ambulante lavorando in tutti i mercati delle Marche e degli Abruzzi specializzandosi nella vendita di stoffe e castagne. Grazie alla propria tenacia e a un’intelligenza acuta impara da solo a leggere, scrivere e a far di conto. A soli 20 anni, diventato un mercante abbiente, decide di trasferirsi ad Antrodoco, un piccolo centro al confine tra Lazio e Abruzzo che è, però, collegato alla rete ferroviaria; ciò gli permetterà di ampliare i propri scambi commerciali con tutta l’Italia centrale.

1875: Nicola Pallini sposa Concetta Egidi, avendo ormai conquistato una certa stabilità economica e un’invidiabile posizione sociale. L’emporio Pallini, aperto da pochi anni, diviene in breve, grazie alle capacità del fondatore Nicola, un prestigioso punto di riferimento commerciale dove, tra sacchi di sementi e stoffe pregiate, fanno mostra di sé bottiglie di liquore da lui stesso prodotte seguendo antiche ricette. Sono questi i primi passi della “Antica Casa Pallini”, che in qualche anno diverrà nota in tutta la provincia e sarà situata in un imponente edificio sulla piazza centrale d’Antrodoco, fungendo da emporio, da banca e da abitazione della famiglia.

1900: Due dei figli maschi di Nicola, Virgilio e Fidelfo, si uniscono al padre nella conduzione della “Antica Casa Pallini” occupandosi rispettivamente dei due rami principali dell’azienda: il primo del commercio di vini e liquori, il secondo delle stoffe. Nessuno degli altri figli si coinvolgerà nelle fiorenti attività di Casa Pallini.

1922: Virgilio Pallini decide di trasferire a Roma la propria attività commerciale, dopo avervi soggiornato durante la convalescenza per le ferite riportate durante la I guerra mondiale. Il soggiorno in una realtà così attiva e diversa della nativa Antrodoco lo portò a comprendere che era questo il luogo migliore per ingrandire l’azienda di famiglia. L’incontro con un nobile russo in fuga dalla rivoluzione e con la passione della chimica portò alla nascita nel cuore di Roma della distilleria nella quale verrà continuata e perfezionata l’esperienza di papà Nicola. Tra i vari prodotti, il Mistrà, liquore a base di anice (liquore secco forte, marca rossa), si affermerà in breve come eccezionale tonico e insuperabile “correzione” del caffè espresso. Nasce in questi anni la “I.L.A.R. (Industrie Liquori Antrodoco Roma) Distillerie V. di N. Pallini”, successivamente solo “Società Virgilio Pallini”.

1933: I figli di Virgilio, Nicola jr e Giorgio, si uniscono al padre nella gestione della società arrivando così alla terza generazione di Pallini coinvolti nell’impresa di famiglia. L’azienda continua a prosperare e il marchio Pallini è ormai divenuto simbolo di altissima qualità e professionalità nella distillazione di liquori a base di anice.

1962: A pochi anni dalla morte di papà Virgilio, gli eredi trasferiscono gli impianti in un nuovo e moderno stabilimento sulla via Tiburtina alle porte di Roma. L’ampliamento e le moderne tecnologie di questa struttura permetteranno di iniziare l’esportazione della Romana Sambuca, che in pochi anni si affermerà come una delle sambuche più vendute al mondo, e di affiancare alla produzione di liquori una linea di sciroppi di frutta.

FOTO STORICA 1962

1973: Vista la crescita dell’azienda, la quarta generazione della famiglia si coinvolge nella gestione della distilleria. Virgilio Pallini jr., nipote dell’intraprendente Virgilio senior, lascia la sua carriera di giornalista alla RAI e lavora instancabilmente alla crescita della Romana Sambuca sui mercati esteri, con particolare attenzione agli Stati Uniti. Grazie alle sue innegabili attitudini imprenditoriali, la Sambuca Romana raggiungerà le 600.000 casse l’anno, facendone uno dei successi più interessanti del mondo dei liquori!

1988: Per rinforzarsi anche sul mercato interno, la I.L.A.R. S.p.A. comincia una fortunata campagna pubblicitaria via radio, televisione e affissioni che porterà il Mistrà Pallini a diventare il leader di mercato dei liquori secchi a base di anice nell’Italia centrale (Lazio, Abruzzo, Marche). Questa campagna risulterà così fortunata da essere ricordata e canticchiata persino vent’anni dopo al solo nominare il Mistrà Pallini.

1999: L’azienda Pallini sente il bisogno di conquistare nuovi spazi e, in considerazione dell’enorme successo italiano delle diverse marche di “Limoncello”, viene studiata un’elegantissima confezione adatta a incorniciare un prodotto sviluppato secondo un’antica ricetta del ramo napoletano della famiglia: artefice la signora Casella, moglie di Giorgio Pallini. Il “Limoncello Pallini” è il punto di equilibrio più raffinato tra le necessità dettate da una moderna produzione su scala industriale e la natura artigianale del Limoncello, magnificamente conservata in questo liquore ricco del profumo dei limoni della Costiera Amalfitana, ancora oggi raccolti a mano e coltivati senza aggiunta di pesticidi o fertilizzanti. Inizia così alla vigilia del terzo millennio la nuova avventura di casa Pallini. Grazie al rapporto con Skyy Spirits, cominciano le prime spedizioni sul mercato americano che presto superano le 10.000 casse.

2001: La tradizione di famiglia continua e si rinnova: una rappresentante della quinta generazione, Micaela Pallini, si unisce all’azienda dopo aver ottenuto il dottorato in Chimica presso l’Università di Roma “Tor Vergata”, pronta a occuparsi dello sviluppo di nuovi prodotti e del controllo qualità.

2010: Per celebrare i 135 anni di attività dell'azienda, Pallini crea la Sambuca 313 che arricchisce le note della Sambuca classica con l'aggiunta di distillati purissimi di Anice Badiana impreziositi da note di Sambuco, Cardamomo e Cannella. Confezionata in un'originale bottiglia serigrafata, ha vinto numerosi premi internazionali.

2012: Il Limoncello Pallini si afferma in Olanda come miglior Limoncello premiato dalla TV nazionale e conquista il prestigioso Superior Taste Award 2012 assegnato dai grandi chefs dell’International Taste and Quality Institute di Brussels. Il Limoncello Pallini entra da Eataly a Roma, NY e Chicago.

2013: Pallini Spa lancia il Rum Gosling in Italia con la sua Ginger Beer per il perfetto Dark ‘n’ Stormy.

2014: Pallini rilancia i suoi sciroppi cambiando confezione e creando due linee distinte: una per i professionisti in vetro e una per le famiglie in PET. Fine ultimo è conferire al prodotto uno stile più moderno e invitante.

2015: L’azienda inizia i festeggiamenti per i suoi sfavillanti 140 anni!
http://www.pallini.com

L'AZIENDA NEL 1968


IL MITICO MISTRA' PALLINI


ETICHETTA DEL LIMONCELLO PALLINI


SCIROPPI PALLINI


ALTRI LIQUORI PALLINI







Nessun commento:

Posta un commento