DERBY DELLA SOLIDARIETA' CON LE T-SHIRT DEI CALCIATORI AL MARRIOTT ROME GRAND HOTEL FLORA

PIPPO FRANCO E ERIKA BASSO BATTONO ALL'ASTA IL QUADRO DI RUBINIA 
"DJANGO", RITRATTO DI UN GIOVANE FRANCO NERO PISTOLERO

MAX GIUSTI SUL PALCO BATTE ALL'ASTA LE MAGLIETTE 
DEI CALCIATORI DI ROMA E LAZIO

FRANCO NERO E I SUOI AMICI: 
TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE PER I RAGAZZI DEL VILLAGGIO 
DON BOSCO DI TIVOLI 

DI GABRIELLA SASSONE
(FOTO DI ADRIANO DI BENEDETTO)

Al derby della solidarietà la Roma "straccia" la Lazio. A 1.500 euro è andata via la T-shirt autografata da Daniele De Rossi che supera persino quella del Pupone Francesco Totti battuta per 1.200 euro; 700 euro si sono raccolti con la maglietta della Lazio griffata da tutta la squadra. Le T-shirt con le firme dai calciatori delle due amatissime squadre sono andate via come il pane l'altra sera al dinner charity apparecchiato al Marriott Rome Grand Hotel Flora di via Veneto per raccogliere fondi per i ragazzi del Villaggio Don Bosco di Tivoli. Tra quadri, locandine di film d'epoca, bracciali, libri da collezione, infatti, i presenti hanno preferito investire per le magliette dei loro idoli pallonari. Ad organizzare l'evento benefico, il grande attore Franco Nero, indimenticabile Django, con il top manager Andrea Sette (Private Banker di Mediolanum) e la vulcanica press-agent Patrizia Brandimarte. 
Molti gli amici dello showbiz accorsi alla serata di solidarietà e accolti da Franco Nero, che sfoggia lunghi capelli con codino. Si parte con un aperitivo sulla terrazza dell’hotel con vista mozzafiato su Roma: si vede persino lo stadio Olimpico illuminato per la finale di Coppa Italia Lazio-Juve. Molti maschietti non hanno rinunciato a sbirciarla su un megaschermo allestito fuori la sala del dinner, alzandosi di soppiatto ogni tanto. Divertentissima è stata l’asta charity, durata più o meno tutta la sera: tra una portata e l’altra i volti noti presenti sono stati chiamati sul palco da Franco per battere insieme a lui i vari oggetti e raccogliere più soldi possibile da devolvere al Villaggio Don Bosco. 
Il primo a salire sul palco è stato quel ciclone di Max Giusti, che poi è scappato subito via per altri impegni senza neanche cenare. Via via sul palco si sono alternati Fabrizio Frizzi, Pippo Franco, Eliana Miglio, Sebastiano Somma e l’ex pugile Nino Benvenuti, seduto accanto a Don Benedetto, anima e cuore del Villaggio Don Bosco, che ha ringraziato tutti commosso a fine serata. Presenti anche alcuni ragazzi ospiti del Villaggio. 
La pittrice di Terni Rubinia ha dipinto una tela in diretta con la tecnica “Ebru”: l'ha poi messa all’incanto insieme ad altri suoi quadri tra cui un ritratto bellissimo di Franco Nero da giovane con cappello da pistolero, intitolato ovviamente “Django”. Non se lo è fatto scappare una fan dell’attore che ha fatto un affarone: soli 350 euro (compresa la firma in diretta di Nero con pennarello che ha dato ancora più valore all’opera). A ruba sono andati, contribuendo a far salire il budget solidale, anche i quadri della pittrice 15enne Isabel Salari, baby-prodigio che ha già tenuto mostre in vari paesi. 

La sempre bellissima produttrice cinematografica Zeudi Araya col compagno regista Massimo Spano hanno donato per l’asta preziosi manifesti originali di pellicole quali “Nuovo cinema Paradiso” e “Il nome della Rosa”. La serata è trascorsa così, tra battute divertenti e gag, risate e applausi, con un Franco Nero sempre più calato nel ruolo di padrone di casa e battitore d’asta tanto da bacchettare a ripetizione tutti quelli che chiacchieravano ai tavoli e si distraevano.
Molti dei signori presenti avrebbero volentieri speso cifre blu se fosse stata messa all’incanto anche una cena in compagnia della biondissima e sensuale modella danese diciannovenne Erika Basso, in lungo color cipria di Balestra con scollatura e spacco vertiginosi, che ha fatto da valletta d’eccezione mostrando via via gli oggetti  insieme alla modella kazaka Jaqueline Paez, tutta trasparenze nere. 
“Altro che il film “La Riffa” con Monica Bellucci! se mettiamo all'asta Erika”, ridacchiava Franco Nero. 
Tra i tavoli tondi, a degustare il menu ideato da Francesco Gargiulo - fusilloni “Aum Aum” con pachino, melanzane e cubetti di mozzarella di bufala, paccheri di Gragnano con aragostine e spigola in crosta di patate con verdurine - anche la bella attrice Eleonora Sergio, l’attore Beppe Convertini, la manager di Jaeger-LeCoultre Claudia Cianfrocca, l'attore e cantante Vittorio Marsiglia che ha deliziato con canzoni napoletane, la top model Fiamma Crescimbeni, moglie di Alessandro Camponeschi, patron del notissimo ristorante di Piazza Farnese, passato solo per un saluto. E ancora, ecco il miliardario russo Arthur (che ha acquistato buona parte degli oggetti all’asta), Pupa Guidi, il vice presidente Mediolanum Giovanni Pirovano con Paolo Suriano del Private Banking di Mediolanum, il marchese Gregorio del Gallo di RoccagiovineGiancarlo Grasso, direttore del Villa York Sporting Club, dove gioca a tennis da sempre Franco Nero. E tra i flash impazziti, gran finale con la torta millefoglie con il logo del Villaggio Don Bosco di Tivoli. Amen! 

ZEUDI ARAYA E MASSIMO SPANO (FOTO ARRIGA)



UN MOMENTO DELL'ASTA CHARITY

MAX GIUSTI CON LA T-SHIRT DI DE ROSSI

PIPPO FRANCO MOSTRA UNA TELA DI RUBINIA

MAX GIUSTI CON LA T-SHIRT FIRMATA DALLA SQUADRA DELLA LAZIO

SEBASTIANO SOMMA CON LE T-SHIRT DEI CALCIATORI (FOTO ARRIGA)


ANCHE LA SAX BATTE L'ASTA ACCANTO ALLA MODELLA JAQUELINE PAEZ

GRAN FINALE TUTTI INTORNO ALLA TORTA

ANDREA SETTE DI MEDIOLANUM PRIVATE BANKING CON LA SAX

VITTORIO MARSIGLIA

ALL'ASTA UNA TELA DI ISABEL SALARI

ELIANA MIGLIO

TAVOLO CON ELEONORA SERGIO, PATRIZIA BRANDIMARTE, ZEUDI ARAYA, GREGORIO DEL GALLO DI ROCCAGIOVINE E MASSIMO SPANO

SEMPRE DOLCE FABRIZIO FRIZZI

ERIKA BASSO E CLAUDIA CIANFROCCA

LE SCARPETTE ROSSE DEL KING RINO BARILLARI

THE KING RINO BARILLARI CON LA SAX















1 commento:

  1. Ottimo articolo come sempre della bravissima Gabriella, questa volta sei stata meno pungente

    RispondiElimina